James Thierrée

Acrobata, clown, poeta e mago, James Thierrée — artista straordinariamente versatile — usa il proprio talento sbarazzino per trasformare oggetti di uso quotidiano in sogno e magia. Nei suoi spettacoli si snodano fantasticamente acrobazie, misteriose trasformazioni, musica e danza che si scontrano in un mondo che è al tempo stesso riconoscibile ma anche del tutto estraneo.
Thierrée stuzzica maliziosamente il pubblico tramite le sue formidabili doti ed una deliziosa commedia visiva.
Il virtuosismo di questo artista deve essere visto per essere creduto. Egli è stato più volte descritto come un acrobata, un clown, un poeta e un mago. Il teatro “fisico” di Thierrée può essere ricondotto ai molti riferimenti familiari (evidente il richiamo a “Le Cirque Invisible” dei genitori Jean Baptiste Thierrée e Victoria Chaplin).

Biografia

James Thierrée ha vissuto nel mondo del circo dall'età di quattro anni insieme ai suoi genitori: Victoria Chaplin e Jean-Baptiste Thiérrée, creatori del Cirque Bonjour (Circo Buongiorno). Con la sua famiglia ha lavorato negli spettacoli Le Cirque imaginaire (Il circo immaginario) e Le Cirque invisible (Il circo invisibile), mentre da solo, sotto il tendone, ha presentato esercizi di acrobazie, trapezio e biciclette acrobatiche. In questo ambiente ha appreso l'arte della mimica, la magia, e la musica. Per la formazione di commediante ha studiato al Piccolo Teatro di Milano, all'Harvard Theatre School, al Conservatorio nazionale superiore d'arte drammatica di Parigi e all'Acting International francese. James, oltre ai suoi spettacoli personali di circo e di strada, ha lavorato, e lavora tuttora, anche in teatro e nel cinema, diretto tra l'altro da alcuni grandi registi: Peter Greenaway, Bob Wilson, Coline Serreau, Raul Ruiz e Benno Besson. Come lui, anche sua sorella, Aurelia Thierrée, lavora in teatro e con l'aiuto della loro madre ha creato visionari spettacoli, caratterizzati da magiche scenografie; tra questi il più popolare è L'oratorio di Aurelia. Nel 1998, James Thierrée ha fondato la sua compagnia, La Compagnie du hanneton. Nel suo primo spettacolo, La Symphonie du hanneton, gioca e mischia varie arti espressive: travestimento, giocoleria, acrobazia, contorsione, danza, canto lirico, musica dal vivo. Uno spettacolo in continua trasformazione, dove il sapore circense si fonde con la poetica circolare della drammaturgia, che racconta simbolicamente la vita di un uomo o dell'uomo, attraverso i suoi incubi notturni, i suoi sogni surreali, gli incontri, le paure, le sfide; a volte in modo grottesco, buffo, a volte in modo romantico, per esempio volando leggero (accompagnato dalle note del suo violino) sopra un lampadario. Con questo spettacolo ha vinto diversi premi: un Adami nel 2005 e quattro Molière nel 2006 (spettacolo, scenografia e rivelazione teatrale per lui, costumi per sua madre Victoria Chaplin). Nel 2003, ha creato il suo secondo spettacolo, La Veillée des abysses (La veglia degli abissi). Nel 2007, è stato nominato al César del cinema 2007, come miglior interprete maschile, per Désaccord parfait (Disaccordo perfetto), e ha creato un altro spettacolo, Au revoir parapluie (Arrivederci ombrello), per il quale ha ottenuto un altro Molière. Il suo quinto spettacolo, intitolato Tabac Rouge, è stato presentato a Losanna nell'estate 2013. Attualmente vive a Parigi.

Programmi

Video

video video video video video video video video video video video video video

Foto

Sito internet

Advanced responsive facebook likebox

Privacy Policy